Il Nostro Manifesto

  Contesto
 

> La gestione del cambiamento climatico è la principale sfida del XXI secolo. Le perturbazioni osservate nei quattro angoli del pianeta colpiscono sempre più popolazioni che sono sempre più numerose e talvolta totalmente indigenti. La ritirata delle calotte polari, l'estensione costante dell'elenco delle specie minacciate o in via di estinzione sono i segni oggettivi di questa evoluzione mortale che minaccia il nostro pianeta.

> Nonostante due importanti conflitti e le loro processioni di milioni di morti, i paesi del "Nord " si sono sviluppati grazie ai loro progressi tecnologici e al massiccio uso di combustibili fossili ma al costo di effetti significativi sull'ambiente (erosione legata al deforestazione, inquinamento del suolo, dell'acqua e dell'aria). La loro stagnante demografia contrasta con il dinamismo dei "meridionali paesi", la cui giovane e avida popolazione consumista legittima aspira allo stile di vita dei paesi più sviluppati.

> Se la protezione delle specie minacciate o in via di estinzione può sembrare "romantica" o "aneddotica" per alcuni di voi, tuttavia è fondamentale. Ognuno di questi animali in pericolo corrisponde a una nicchia ecologica, a un biotopo alterato dalle attività umane o addirittura distrutto. La ricerca locale di soluzioni che rispettino l'ambiente di queste specie senza interferire con gli obiettivi di sviluppo sostenibile desiderati, contribuisce allo sviluppo di progetti regionali virtuosi.

> Con la loro convergenza, le dinamiche di "protezione delle specie" e "sviluppo sostenibile" danno origine a una migliore governance del nostro pianeta grazie all'emergere di nuovi modelli di sviluppo.
 

  Perché abbiamo scelto le scimmie Bonobo?
 

> Come il Panda, ci sono animali che acquisiscono immediatamente la simpatia di un vasto pubblico che può essere misurato dall'interesse appassionato suscitato da ogni nuova nascita. Altri, come i lupi o gli squali, non beneficiano di questo capitale. Per quanto riguarda i Bonobo, sono noti al pubblico generico per la loro sessualità "sfrenata", ma quanti sanno che al di là di questa caratteristica pittoresca, ci sono solo da 20 a 30.000 individui di questa specie così geneticamente vicina all'homo sapiens che siamo. Le vie dell'evoluzione ci separarono circa 5 milioni di anni fa (come lo scimpanzé con cui fu confuso per molto tempo). Con il 98,7% di DNA in comune con gli esseri umani, è in realtà il nostro cugino più vicino.
 

> Vivendo endemicamente in una vasta area di foresta primaria nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), sono minacciati dalla deforestazione, dalla caccia, dal bracconaggio, dalle epidemie ... e dai conflitti armati. Potrebbero, se non cambierà nulla, sparire entro 50 anni.
 
 

"No futur" Bansky like  Bonobo with "Bloody chimp" tag
Stato del Bonobo stabiliti dall'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN)
EN A4cd >> In pericolo !
In caso di estinzione, sarebbe una parte delle nostre origini che scomparirebbe per sempre.

 
>
 
Per quasi 30 anni,
il problema è stato affrontato da un piccolo gruppo di persone circondate da molti volontari totalmente dediti alla causa di questo animale particolarmente accattivante: diverse associazioni contribuiscono alla raccolta di fondi con gli sponsor in Europa e negli Stati Uniti d'America, tra cui l'associazione “Les Amis des Bonobos au Congo” (ABC), fondata da Claudine André e coadiuvata da Dominique Morel in questo compito. Questo nucleo fondatore è riuscito a mettere insieme una serie di azioni concrete notevoli nonostante un ambiente politico instabile.
 

> Ma quale società potrebbe capire e sopportare che si presta più attenzione alla sopravvivenza di una "scimmia" che a quella dei suoi membri? Con più soldi, è sempre possibile fare di meglio. È ora necessario sviluppare programmi più ambiziosi che combinino istruzione, salute della popolazione e uso sostenibile del territorio per consolidare la protezione delle specie minacciate a lungo termine.
 

Se il futuro dei Bonobos è nelle mani dei congolesi, aiutiamoli !

DONARE

 

  Scarica il nostro Manifesto

Contributo :
Ringraziamo Hélène COMINOLO il cui inestimabile aiuto ha permesso la traduzione di questo Manifesto.